Ultima modifica: 21 Gennaio 2019

PON al Via

Al fine di migliorare la Qualità degli apprendimenti e garantire una maggiore Inclusività della formazione, la nostra Scuola è pronta per partire con i Progetti previsti dal Piano Operativo Nazionale:

1) “Affettività in movimento” – Progetto rivolto ai bambini della Scuola dell’Infanzia, articolato in 3 moduli

 

2) “La Scuola: Una grande Famiglia” – Progetto rivolto agli alunni della Scuola Primaria, articolato in 5 moduli

 

INIZIO  ATTIVITA’

PON  “LA SCUOLA: UNA GRANDE FAMIGLIA”

 

TITOLO GIORNO DATA INIZIO ORARIO SEDE TUTOR ESPERTO
“Eureka!” LUNEDI’ 21  Gennaio 16.15-18-15 R. MAZZETTI Soriente Sofia Capacchione
“Non solo numeri” MERCOLEDI’ 16 Gennaio 16.15-18-15 DON MILANI Petruzziello Maria Paolillo Alessandra
“Numeri che servono” GIOVEDI’ 17 Gennaio 16.15-18-15 DON MILANI De Stefano Ida Barrella
“Leggendo con gli occhi del cuore” VENERDI’ 18 Gennaio 16.15-18-15 A. GATTO Canosa Annamaria Del Forno Ida
“Venti caratteruzzi che raccontano l’uomo” LUNEDI’ 14 Gennaio 15.30-17.30 A. GATTO Zito Giovanna Del Forno Ida

PON  “Affettività in movimento”

TITOLO GIORNO DATA INIZIO ORARIO SEDE TUTOR ESPERTO
Affettività in Movimento Martedì 29  Gennaio 16,15-17,45 Gatto Cuzzolino Rosa Todaro Simona
Emozioni in movimento Giovedì 24 Gennaio 16,15-17,45 Gatto Lombardi Ida Todaro Simona
Emozioniamoci con l’arte Mercoledì 30 Gennaio 16,15-17,45 Don Milani Bancone M. Giuseppa Vecchio Marco

I percorsi che caratterizzano i due progetti si connotano come laboratori ali e la scelta del “laboratorio” definisce già l’ambito metodologico nel quale si colloca l’intervento progettato. Il laboratorio, infatti, è il luogo della scoperta, del ricercare, del fare, del riflettere su se stessi e sul proprio operato. In esso, l’organizzazione dei gruppi come comunità attive costituisce il tessuto in cui ognuno si riconosce come elemento della “trama”: la relazione tutoriale in piccolo gruppo serve a dipanare la matassa che dagli apprendimenti impliciti conduce a quelli formali; le abilità sociali e cooperative, trasversali e fondamentali, si apprendono attraverso il “fare” quotidiano. La gestione di momenti comunitari e la mediazione nei conflitti costituiscono le modalità ordinarie e insieme straordinarie per favorire lo sviluppo della capacità di gestione delle emozioni e di situazioni problematiche per il soggetto. Le abilità espressive sono oggetto degli specifici laboratori; i saperi disciplinari sono sistematicamente richiamati; l’insieme di tutte le pratiche guidate costituisce un curricolo trasversale che viene esplicitato come riflessione sui processi che hanno portato a risolvere problemi o a sviluppare attività creative rispondendo, così, ai bisogni di competenza, di inclusione, di autodeterminazione, di appartenenza e di relazione, fondamentali per sollecitare all’impegno e all’interesse rendendo la Scuola luogo desiderabile.

Con l’adesione ai Piani, la nostra Scuola coglie una straordinaria opportunità: quella, cioè, di aprirsi al territorio di riferimento, diventando “reale” risorsa territoriale, polo di aggregazione e socializzazione e, ovviamente, officina culturale.

Link vai su