Ultima modifica: 9 Novembre 2016
Ottavo Circolo Salerno > ORGANI COLLEGIALI

ORGANI COLLEGIALI

La scuola italiana si avvale di organi di gestione, rappresentativi delle diverse componenti scolastiche, interne ed esterne alla scuola, come, ad esempio, studenti e genitori.
Questi organismi a carattere collegiale sono previsti a vari livelli della scuola (classe, istituto) e del territorio (distretto, provincia e nazionale).

I componenti degli organi collegiali vengono eletti dai componenti della categoria di appartenenza; i genitori che fanno parte di organismi collegiali sono, pertanto, eletti da altri genitori.

La funzione degli organi collegiali è diversa a seconda dei livelli di collocazione: è consultiva e propositiva a livello di base (consigli di classe e interclasse), è deliberativa ai livelli superiori (consigli di circolo/istituto, consigli provinciali).

Il regime di autonomia scolastica accentua la funzione degli organi collegiali che dovranno, conseguentemente, essere riformati per corrispondere alle nuove esigenze della scuola autonoma.

La riforma degli organi collegiali per il governo della scuola è affidata all’approvazione di appositi disegni di legge presentati in Parlamento.


CONSIGLIO DI CIRCOLO  E GIUNTA ESECUTIVA

Il Consiglio di Circolo, nelle scuole con popolazione scolastica superiore a 500 alunni, è costituito da 19 componenti, di cui 8 rappresentanti del personale docente, 2 rappresentanti del personale amministrativo, tecnico e ausiliario, 8 rappresentanti dei genitori degli alunni e il Dirigente Scolastico.

Il Consiglio di Circolo è presieduto da uno dei membri eletto tra i rappresentanti dei genitori degli alunni. Può essere eletto anche un vice presidente.

Il Consiglio di Circolo elegge al suo interno una Giunta Esecutiva, composta da un docente, da un impiegato amministrativo o tecnico o ausiliario e da due genitori. Della Giunta Esecutiva fanno parte di diritto il Dirigente Scolastico, che la presiede ed ha la rappresentanza del circolo, ed il Dirigente dei Servizi Amministrativi (DSGA) che svolge anche funzioni di segretario della giunta stessa.

Il Consiglio di Circolo e la Giunta Esecutiva durano incarica per tre anni scolastici.


CONSIGLIO D’INTERCLASSE a.s. 2014/15

Il Consiglio di Interclasse nelle scuole primarie è composto dai docenti dei gruppi di classi parallele o dello stesso ciclo o dello stesso plesso. Fanno parte del Consiglio di Interclasse anche i docenti di sostegno che sono contitolari delle classi interessate. Fanno parte, altresì, del Consiglio di Interclasse nella scuola elementare, per ciascuna classe interessata, un rappresentante eletto dai genitori degli alunni iscritti.

Le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari spettano al Consiglio di Interclasse con la sola presenza dei docenti.

I Consigli di Interclasse sono presieduti dal Dirigente Scolastico oppure da un docente, membro del Consiglio, da lui delegato; si riuniscono in ore non coincidenti con l’orario delle lezioni.

Compito del Consiglio di Interclasse è la formulazione di proposte al Collegio dei Docenti in ordine all’azione educativa e didattica, alla sperimentazione e all’agevolazione dei rapporti trai docenti stessi, i genitori e gli alunni.

Adotta delibere in materia di programmazione, iniziative di aggiornamento, adozione di libri di testo, esprime parere per la formazione delle classi, l’orario delle lezioni e delle altre attività scolastiche.

 

PROCLAMAZIONE GENITORI ELETTI COME COMPONENTI DEI CONSIGLI D’INTERCLASSE A.S. 2014/15 – vedi SEZ. “ALBO PRETORIO” –  25/10/2014


CONSIGLIO D’INTERSEZIONE A.S. 2014/15

Il Consiglio di Intersezione nelle scuole dell’infanzia è composto dai docenti dei gruppi dello stesso plesso. Fanno parte del Consiglio di Interclasse anche i docenti di sostegno. Fanno parte, altresì, del Consiglio di Intersezione i rappresentanti eletti dai genitori degli alunni iscritti.

Le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari spettano al Consiglio con la sola presenza dei docenti.

I Consigli di Intersezione sono presieduti dal Dirigente Scolastico oppure da un docente, membro del Consiglio, da lui delegato; si riuniscono in ore non coincidenti con l’orario delle lezioni.

Compito del Consiglio di Intersezione è la formulazione di proposte al Collegio dei Docenti in ordine all’azione educativa e didattica, alla sperimentazione e all’agevolazione dei rapporti trai docenti stessi, i genitori e gli alunni.

 

PROCLAMAZIONE DEI GENITORI ELETTI COME COMPONENTI DEI CONSIGLI DI INTERSEZIONE A.S. 2014/15 – vedi SEZ. “ALBO PRETORIO – 25/10/2014

Link vai su